Riqualificazione energetica, sostenibilità e digitalizzazione: incentivi per innovazione al turismo | Italia

da 25.000 a 3.500.000€

IN USCITA | Contributo diretto alla spesa e finanziamento agevolato

Category:
  1. General Details

    Con decreto interministeriale il Ministero del Turismo e il Ministero dell’Economia e delle Finanze definiscono requisiti e prime procedure per avere accesso agli incentivi previsti nell’articolo 3 del decreto legge n. 152 del 6 novembre 2021, inerente gli interventi di sostegno previsti dal PNRR a favore del settore turismo.

    L’agevolazione combina:

    • Contributo diretto dal 5% al 35% in base alla dimensione dell’impresa per interventi da un minimo di 500.000,00 € a un massimo di 10.000.000,00 €
    • Finanziamento agevolato a valere sul FRI con tasso di interesse dello 0,50% annuo per durata massima di 15 anni, comprensivi di un periodo di preammortamento di massimo 36 mesi

    Le imprese turistiche possono accedere all’agevolazione per la realizzazione di interventi innovativi conformi alla normativa di sostenibilità ambientale e inerenti riqualificazione energetica, riqualificazione antisismica, eliminazione barriere architettoniche, manutenzione straordinaria o di restauro, realizzazione di piscine termali (solo per i centri termali), digitalizzazione, acquisto di mobili e componenti di arredo.

    L’entità dell’incentivo sarà determinato nel rispetto dei massimali previsti dal Regolamento GBER.

  2. Controlla la scadenza del bando

    Successivo provvedimento del Ministero del Turismo darà indicazioni sull’apertura termini e modalità di trasmissione delle domande.

  3. Richiedi supporto a C Quadra

      Ho letto e compreso le indicazioni sulla Privacy Policy

    • Verifica se hai i requisiti

      Possono partecipare le imprese alberghiere, gli agriturismi, le strutture ricettive all’aria aperta, le imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, gli stabilimenti balneari, i centri termali, i porti turistici, i parchi tematici inclusi i parchi acquatici e faunistici.

      Tutti i soggetti elencati devono essere regolarmente iscritti al Registro imprese, essere in regola rispetto alla verifica della regolarità contributiva, con la normativa antimafia vigente e in situazione di regolarità fiscale.

      Devono inoltre essere in regime di contabilità ordinaria e aver ricevuto una valutazione positiva del merito di credito da parte di un istituto bancario finanziatore.

    • Spese ammissibili

      Sono ammissibili gli interventi compatibili con le finalità statutarie e funzionali all’attività esercitata dall’impresa avviati successivamente alla presentazione della domanda di incentivo e riferiti a:

      • interventi di riqualificazione energetica
      • riqualificazione antisismica
      • eliminazione delle barriere architettoniche
      • manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativoristrutturazione edilizia e installazione di manufatti leggeri
      • realizzazione di piscine termali (per stabilimenti termali)
      • interventi di digitalizzazione
      • acquisto di mobili e componenti di arredo funzionali ad almeno uno dei precedenti punti

      Le spese sono ammissibili nel limite minimo di 500.000 euro e massimo di 10.000.000,00 euro e devono riguardare fabbricati o terreni stanziati nel territorio italiano.

      I programmi di investimento devono essere avviati entro 6 mesi e conclusi entro 30 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, comunque non oltre il 31 dicembre 2025.

    • Documents