Sostegno all’industria tessile, della moda e degli accessori | Italia

da 25.000€ a 100.000€

Contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese sostenute

Category:
  1. General Details

    Inserita nel Decreto Rilancio, la presente misura si pone l’obiettivo di sostenere l’Industria Tessile, della Moda e degli Accessori, nella realizzazione di progetti volti all’introduzione di nuovi elementi di design, finalizzati all’introduzione di innovazioni di processo produttivo, alla realizzazione e all’utilizzo di tessuti innovativi, per progetti ispirati ai principi dell’economia circolare per il riciclo di materiali usati o per l’utilizzo di tessuti derivanti da fonti rinnovabili o, infine, per la realizzazione di progetti finalizzati all’introduzione nell’impresa di innovazioni digitali.

    Ogni impresa può presentare una sola domanda, da inviare esclusivamente online, tramite procedura informatica che verrà resa disponibile dal Ministero insieme ai termini per la partecipazione.

    L’investimento minimo è pari a 50.000€, mentre l’investimento massimo è pari a 200.000€.

  2. Controlla la scadenza del bando

    I termini per la partecipazione saranno resi disponibili a breve.

  3. Richiedi supporto a C Quadra

    Ho letto e compreso le indicazioni sulla Privacy Policy

  4. Verifica se hai i requisiti

    Possono partecipare le Piccole imprese del Tessile, della Moda e degli Accessori, costituitesi da non oltre 5 anni. Consulta tutti i codici ATECO ammessi, tra i documenti allegati!

    Non può comunque trattarsi di società quotate o società che abbiano rilevato l’attività di un’altra impresa o costituite a seguito di fusione.

  5. Spese ammissibili

    Sono ritenute ammissibili le spese per:

    • l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica, comprese le relative spese di installazione
    • brevetti, programmi informatici e licenze software
    • formazione del personale inerenti agli aspetti su cui è incentrato il progetto in misura non superiore al 10% dell’importo del progetto
    • capitale circolante, nel limite del 20% delle spese di cui ai precedenti punti, motivate nella proposta progettuale e utilizzate ai fini del pagamento di materie prime, ivi compresi i beni acquistati soggetti ad ulteriori processi di trasformazione, sussidiarie, materiali di consumo e merci, servizi necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa, godimento di beni di terzi, personale direttamente impiegato nella realizzazione dei progetti di investimento.
  6. Documents